Certosa Experience

#CertosaExperience
Domani la conclusione di un percorso entusiasmante con un gruppo di studenti del Minor in Management Artistico dell’Università Ca’ Foscari di Venezia veramente in gamba e degli straordinari colleghi docenti (Monica Calcagno, Anna Comacchio, Raffaella Rivi e Carlo Presotto) coordinati dal professor Fabrizio Panozzo.

Complessità, profitto e senso del lavoro: come possono stare insieme?

“Complessità, profitto e senso del lavoro: come possono stare insieme?”.
Siamo partiti da qui per condividere con un bellissimo gruppo di imprenditori l’essenza che c’è dietro a questo interrogativo: dare un senso a ciò che facciamo. I pilastri su cui lavorare sono tre: persone, pianeta e profitto. La direzione da seguire quella della costruzione di un percorso evolutivo verso la prosperità. Perché è questo quello che andremo a fare come The Human Factory con le aziende: accompagnarle nel cambiamento verso modelli organizzativi in cui non si guidano persone, ma processi in cui le persone si possono attivare. Abbiamo raccontato questo, sabato scorso, dopo la visita alla città sociale di Valdagno e all’interno degli spazi della Marzotto, dove una Società Benefit come la Zordan 1965 risiede temporaneamente. Anche questo è un segnale importante verso un nuovo modo di fare impresa.

Per maggiori info

Cronaca di una storia unica da raccontare

La settimana scorsa ho terminato un viaggio bellissimo. In questo articolo che ho scritto per “Nòva Il Sole 24 Ore” ho provato a sintetizzarne i punti salienti.

<<Dopodiché le cose sono quasi accadute da sole. In ogni singola aula, come in un processo alchemico che rasenta la magia, abbiamo fatto emergere le emozioni. Come? È stato sufficiente ascoltare. Dare voce ai sentimenti. Far sì che le persone si spogliassero dei propri ruoli e condividessero il “loro Danieli” >>.

Vai all’articolo

Da Lunedì Inizio in numeri (e non solo)

Lunedì scorso abbiamo concluso l’edizione trevigiana di Da Lunedì Inizio. Nell’immagine qui sopra trovate cosa sono state queste tre serate in termini di numeri. Per sapere cosa è accaduto veramente però non ci sono dati da condividere, ma solo emozioni che hanno potuto vivere chi ha partecipato agli incontri. A questo link invece potete vedere il bel servizio a cura di Nelly Pellin che ha ben sintetizzato lo spirito dell’intera rassegna attraverso l’intervista a Sebastiano Zanolli, ospite della seconda serata. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, agli ospiti della rassegna, Gianfranco Damico e Roberto Bonzio oltre al già citato Zanolli, ai musicisti Chris Lavoro e Dario Dal Molin, agli sponsor HBI, Carretta Automazioni e CentroMarca Banca e al Comune di Treviso per il patrocinio.

Dalla Perissinotto & Bettini Associati per il momento è tutto!

 

Le tecnologie digitali stanno trasformando tutto

Le tecnologie digitali stanno trasformando tutto. Dalle relazioni tra gli individui ai modelli di business delle imprese. Dal come ci comportiamo al come si sviluppano i processi all’interno delle organizzazioni. In quel tutto c’è la sfera personale e quella professionale. In quel tutto ci sono le opportunità di trovare soluzioni alle sfide del futuro in primis quella ambientale e la speranza che guerre come quella che stiamo vivendo tra Ucraina e Russia siano le ultime scene di conflitti il cui senso non si trova, dal momento che proprio le interconnessioni ci hanno fatto capire che tutti siamo parte di un qualcosa che va oltre i confini fisici.

Qualche giorno fa ho incontrato Filippo Rizzante (CTO di Reply) e ne è uscita una bella chiacchierata sul valore di fare cultura sul digitale.

Vai all’articolo su Nòva Il Sole 24 Ore

 

“Da Lunedì Inizio” approda a Treviso

Ripartiamo.
È un vero piacere comunicarvi che “Da Lunedì Inizio” ritorna dal vivo a teatro e soprattutto con il pubblico presente. Questa rassegna d’incontri nata oramai quattro anni fa, dopo aver toccato varie città italiane per poi trasformarsi in un podcast e in un’edizione solo digitale durante il periodo pandemico, ritorna nella sua versione originale e naturale.
Saranno tre serate nelle cui cercheremo di capire perché siamo così bravi a procrastinare i nostri buoni propositi, ma soprattutto parleremo di persone, della loro unicità, del talento che c’è in ognuno di noi e del cosa ci spinge a realizzare i nostri personali sogni. Parleremo di evoluzione personale e professionale da angolazioni differenti attraverso professionisti che arrivano da esperienze diverse (Gianfranco Damico, Sebastiano Zanolli e Roberto Bonzio). Le parole si alterneranno all’esecuzione di brani dal vivo che ogni ospite porterà con sé e le emozioni faranno da collante a tutto ciò.
Insomma saranno tre piacevoli, belle e ispiranti serate.
Grazie ai partner (HBI, Carretta Automazioni e CentroMarca Banca) che hanno sostenuto l’iniziativa e alla città di Treviso che con il suo patrocinio ci ospita presso l’Auditorium Stefanini e la Perissinotto & Bettini Associati per la produzione.
Questo è il link per iscrivervi e partecipare (gratuitamente) agli incontri

Vi aspetto!

Riprendono le storie su nòva Il Sole 24 Ore

Dopo una piccola pausa ho ripreso a raccontare belle storie d’impresa su #ToBeContinued il mio spazio all’interno di nòva Il Sole 24 Ore. A questo link trovate la storia di un incontro tra due persone che forse erano destinate a fare qualcosa insieme. Loro si chiamano Renato Pavanetto e Daniele Basso e dal loro incontro un’idea è diventata realtà: HBI, la start-up che non si limita a fornire soluzioni industriali per l’implementazione dell’economia circolare, ma affianca tutte quelle aziende che vogliono fare quel salto “culturale” per pensare e fare in chiave green.

Vai all’articolo

Progettando il futuro

Stiamo progettando o meglio ancora esplorando scenari diversi da realizzare. La giornata di Business Model Canvas presso il CUOA con il prof. Diego Campagnolo è stato un primo passo. Ora si tratta di pianificare azioni e dare concretezza ai sogni. Sì perché Dialoghi D’Impresa, non è solo un festival dedicato alla narrazione d’impresa, vuole diventare un luogo fisico e digitale di confronto e di ispirazione. Le storie servono anche a questo, servono soprattutto a questo: guardare cosa si è fatto, capire dove si è e disegnare dove si vuole andare.