Aspettando #NewPersonalStorytelling

Intanto potete vedere in anteprima la copertina e poi tra qualche mese sarà disponibile in tutte le librerie tradizionali e digitali. A distanza di quattro anni dalla prima edizione, l’editore FrancoAngeli e Alberto Maestri, direttore della collana #ProfessioniDigitali della quale fa parte il volume, hanno rinnovato la loro fiducia a me e al caro amico Francesco Gavatorta, nel pensare a una nuova versione di #PersonalStorytelling che non fosse solo una semplice ri-edizione. Così è stato. C0sì abbiamo affrontato questo lavoro, rimettendoci a studiare per migliorare ancor di più un libro che parla di quanto sia importante oggi fare un buon uso della narrazione del sé. Se volete saperne qualcosa di più, trovate in questa intervista a firma di Daniele Piovino di Applaudart, qualche anticipazione di #NewPersonalStorytelling.

A presto!

The Cube Guest: Narrare l’impresa

Giovedì prossimo 21 maggio alle ore 17:00 avrò il piacere di dialogare sul tema della narrazione d’impresa all’interno dell’appuntamento digitale organizzato da Start Cube, l’incubatore di startup di Galileo Visionary District. L’incontro si inserisce nella cornice di Padova Innovation Hub, un ciclo di eventi dedicati alla formazione per innovatori, startupper e PMI pensati per approfondire tematiche inerenti l’innovazione grazie ad interventi di relatori provenienti dal mondo dell’impresa.

Per info e parteciparvi questo è il link

Da Lunedì Inizio versione podcast: episodio #4

Da dove partire per apportare un cambiamento positivo nella nostra vita? “Smettere di lamentarsi. La lamentela rappresenta la rinuncia ad assumersi la responsabilità per un miglioramento” Con questa risposta del Dr. Filippo Ongaro, si conclude il 4° Episodio di “Da Lunedì Inizio” nella sua versione podcast.

Questo è il link per ascoltare l’intera puntata su Spotify. Buon ascolto!

#AvampostoImpresa: Maurizio Zordan

Quando l’incontro la prima volta è una opaca giornata di fine settembre del 2015, ma basta la vista della città sociale di Valdagno e respirare l’eredità lasciata da Gaetano Marzotto, che tutto ciò che circonda quella vallata, assume dei toni decisamente più brillanti. Ma è proprio da quella prima chiacchierata con Maurizio Zordan, che mi accorgo che forse un certo approccio di fare impresa si è diffuso in tutto quel territorio o almeno è così per Maurizio.

Dobbiamo usare questo momento per progettare il dopo come lo vorremmo, cioè più sostenibilità e meno individualismo

Vai all’#AvampostoImpresa di Maurizio Zordan

Vanity

Non esiste un'unica stella su Vanity FairAnche Vanity Fair parla di Non esiste un’unica stella, l’ultimo libro che ho scritto per FrancoAngeli e che racconta la storia di un’azienda dell’entroterra veneziano che ha saputo evolversi. In un bell’articolo a firma di Michele Razzetti, c’è l’intervista a Laura Calzavara, protagonista insieme alle sorelle Miledy e Alessandra, della nuova fase di sviluppo dell’impresa PuntoCiemme fondata dal padre Giancarlo agli inizi degli anni ’80.

Buona lettura

Lavorare e raccontare il proprio lavoro

Francesco-Gavatorta-Andrea-Bettini-1024x768

Andrea Bettini e Francesco Gavatorta, autori del libro #PersonalStorytelling – Costruire Narrazioni di Sè efficaci

 

Nei giorni scorsi Alberto Maestri ha pubblicato per Senza Filtro – Notizie dentro il lavoro, un’intervista a me e all’amico Francesco Gavatorta sull’importanza di lavorare e racontare il proprio lavoro. Questa è una delle mie risposte:

Quando entriamo all’interno di un’organizzazione aziendale lo facciamo attraverso ciò che sappiamo fare, ma allo stesso tempo per ciò che siamo. C’è un tema di competenze specifiche, ma anche di assetto valoriale: non a caso trovare “la persona giusta” è una delle criticità di un’azienda. Soft skills, ma non solo. Pensiamo a come cambiano gli equilibri all’interno di un gruppo di lavoro sulla base degli aspetti caratteriali e personali dei singoli. È innegabile che a un candidato, prima di arrivare a un qualsiasi colloquio, è stata “scannerizzata” la sua identità digitale per trarne informazioni professionali e personali. Si parte da LinkedIn per poi arrivare a tutte le altre piattaforme social. È chiaro che in un contesto come questo dobbiamo essere in grado di “vendere” noi stessi in maniera efficace e coerente, e questo passa proprio dalla capacità di raccontare se stessi online.

Qui potete leggere l’intera intervista

Non si vendono più solo prodotti ma esperienze

Intervista di Andrea Bettini su Il Gazzettino di VeneziaIeri il quotidiano Il Gazzettino ha pubblicato una mia intervista sul tema della narrazione applicata al mondo delle imprese per comunicare in maniera più efficace. Al di là del disguido del titolista che mi ha cambiato il nome in Marco (ma forse per rimarcare la mia “venezianità” in onore al patrono della città) ci sono alcuni passaggi che mi fa piacere condividere pure qui:

I teorici dell’economia dicono che ci stiamo sempre più dirigendo nella direzione non tanto di possedere qualcosa, ma di utilizzare qualcosa. Se questa è la premessa è chiaro che sempre più si andrà nella direzione non tanto di acquistare un prodotto, ma di vivere un’esperienza e qui entra in gioco in maniera imponente il ruolo della narrazione.

 

Per quanto riguarda invece la promozione di se stessi, il racconto ha la funzione di trasferire la componente umana di una persona. Le aziende hanno bisogno non solo del saper fare di un individuo, ma anche del suo essere, inteso questo come valori, fiducia e passione nel fare le cose. La narrazione del sé permette di trasferire questi aspetti che non possono trovare spazio in un tradizionale CV.